martedì 13 giugno 2017

Due giorni al Lago di Como

Le foto di Delfina ed Ezio...








Scopri gli intrusi...

domenica 23 aprile 2017

Roccaforte - Avi (AL)

"Da Roccaforte si percorre una comoda e panoramica carrareccia (segnavia CAI n. 260) fino alla Sella di Avi dove si imbocca a sinistra un sentiero (segnavia CAI n. 256) in precarie condizioni, molto accidentato, franoso e sassoso. Bisogna stare molto attenti a non cadere tra i piccoli e tondi ciottoli dei conglomerati che si stanno lentamente sgretolando. In breve si raggiunge il paese che fu abbandonato definitivamente nel 1953 ed era diviso in due minuscoli nuclei (Avi di qua ed Avi di là) da un piccolo torrente. Anticamente era abitato da circa una ventina di persone che coltivavano grano sui terrazzamenti circostanti e raccoglievano castagne, frutto caratteristico della cultura contadina di un tempo. Al ritorno sono salito al Poggio, dove c'è un piccolo rifugio e da cui si gode un ottimo panorama sulla Val Sisola."

Testo e foto di Pier Luigi Casanova

La chiesa di Roccaforte Ligure

Il tratto di sentiero accidentato
Avi e in alto Rivarossa









"Ad integrazione delle immagini relative al paese abbandonato di Avi, vorrei segnalare che, appena sotto al paese, nei pressi del torrente, in un punto ormai dimenticato e difficilmente raggiungibile, si trova una croce ricordo in memoria di due aviatori italiani qui precipitati nel 1941 mentre stavano volando verso la Cirenaica."




Monte Poggio e Giarolo alle spalle
Il bivacco sul monte Poggio
Panorama sulla Val Sisola

giovedì 23 marzo 2017

Dova superiore e dintorni (AL)

Val Borbera

Le foto di Nadia Fantone

La cappelletta di Dova Superiore

Cappelletta e Chiesa a Dova Superiore

Nadia

Cappella di San Fermo
Violette
Epatica rosa
Crochi

Petasites hybridus

venerdì 17 marzo 2017

Domenica 12 marzo: Le miniere del Brosso (TO)

Le foto di Andrea B.


Direzione lago

Mangiando in riva al lago

Scorciando intorno al lago

Dal lago alle montagne

Un nuovo probabile iscritto...

Un piccolo comizio
 
Toh guarda chi c'è!